Natura e Ambiente

A monte dell'abitato di Temù, sul versante orografico destro del fiume Oglio, si apre la stupenda e incontaminata Val di Canè che rientra in gran parte all'interno dei confini del Parco Nazionale dello Stelvio. Ampliato nel 1977 con l'incusione delle bresciane valli Grande, di Canè, delle Messi e di Viso, il Parco è ora una realtà capace di consentire al territorio di evolversi ancora secondo le leggi immutabili della natura. I luoghi da visitare all'interno del Parco sono tutti di particolare bellezza. La possibilità di vivere a contatto con la natura in parte ancora selvaggia e di avvistare gli animali nel loro abitat sono alcune possibilità offerte all'escursionista che avrà la pazienza di spezzare il ritmo frenetico della vita per farsi coinvolgere dalle meraviglie sparse sul territorio. Per gliappassionati della "Guerra Bianca" non dovrà mancare una visita alle fortificazioni della Bocchetta di Val Massa, in alto alla frazione di Villa Dalegno, il più bell'esempio di architettura militare. Di rimpetto all'abitato di Temù si apre l'ampia Val d'Avio, con i suoi cinque chilometri di pianeggiante passeggiate, valle che si estende fino ai piedi della parete nord dell'Adamello, la valle, di origine glaciale, ospita a diverse altitudini ben cinque laghi artificiali, della complessiva capacità di quasi 50 milioni di mc d'acqua, che alimentano la centrale idroelettica di Edolo. Il territorio è ricco inoltre di moltissime testimonianze della Grande Guerra, durantela quale l'abitato di Temù divenne il fulcro di tutta l'organizzazione logistica di questa parte di fronte. Numerose e imponenti cime la sovrastano quali la Calotta, il Salimmo, il Corno di Mezzodì, il Monte dei Frati, Il Baitone e l'Adamello, solo per citare le più importanti. Lungo la valle si snoda il percorso che dà accesso al Rifugio Garibaldi, base di partenza di tutte le più suggestive ascensioni nel gruppo adamellino. Nella laterale Val di Salimmo è collocato il Bivacco Spera, dedicato alkla indimenticabile figura di Sperandio Zani, emerita guida alpina di Temù nonchè fondatore del Museo. La costituzione del Parco Naturale dell'Adamello permette di valorizzare l'eccezionalità di questa vasta area, straordinario partimonio naturale e storico, di cui dobbiamo tutti essere fedeli custodi.

NEWS & EVENTS

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.com